giovedì 23 novembre 2017

5 COSE CHE #12

Buongiorno <3
Sono felicissima, super emozionata: sto aspettando questo giorno dall'inizio del mese!
Perchè? Perchè l'argomento del 5 COSE CHE di oggi mi piace da impazzzire *-*
Sono un po' strana e, ogni tanto, adoro farmi ossessionare dai nomi dei personaggi dei libri, quindi questo è proprio il tema perfetto per me...


 5 LIBRI IN CUI I PERSONAGGI HANNO NOMI STRANI O IMPRONUNCIABILI

(il post l'ho costruito un po' a modo mio... quindi trovate il personaggio "dal nome strano" e poi il libro da cui è tratto)






ALASKA YOUNG


da Cercando Alaska di John Green





LESTER PAPADOPOULOS


da Le sfide di Apollo di Rick Riordan 





RAGNOR FELL


da Shadowhunters di Cassandra Clare





PATCH


da Hush Hush di Becca Fitzpatrick





CALLUM ROYAL


da Paper Princess di Erin Watt




Conoscete questi personaggi? Quali libri avete scelto?
Vi piace farvi intrigare dai nomi assurdi?


Alex 
 


Approfitto dell'occasione per farvi sapere che il 3 dicembre (sul blog Milioni di Particelle) inizierà un meraviglioso blogtour dedicato al mio romanzo Vuoi conoscere un casino?.
L'evento terminerà il 22 dicembre con un giveaway... Non perdetevelo!



mercoledì 22 novembre 2017

RECENSIONE: Saggio sul Diavolo di Percy Bysshe Shelley


Rapido e veloce, ma ben poco indolore. 




TITOLO: Saggio sul Diavolo
AUTORE: Percy Bysshe Shelley
ANNO DI STESURA: 1819/1820

SOGGETTO:
Nello spirito, seppur non nello stile, è una delle prime produzioni di Shelley, ed è stato scritto probabilmente nel 1819; in ogni caso non più tardi del 1820. A causa del suo approccio satirico, il lettore potrebbe non intenderne lo scopo, che è quello di attaccare le superstizioni e le mitologie della religione cristiana. Nella "Necessità dell'ateismo" e nelle note a "La regina Mab" Shelley è diretto ed esplicito, ma in questo saggio, pur caratteristicamente shelleyano nel tema, il metodo d'approccio dell'autore è più sottile. Disarmerà il lettore appellandosi al suo senso del ridicolo, ma alla fine avrà raggiunto il suo scopo: rendere chiaro che una fede nel Diavolo e in altri miti cristiani non può accompagnarsi con la scienza e la ragione.



WWW WEDNESDAYS #8

Buon dì gente!

Qualcuno ha visto la serie Sherlock? La mia prof di semiotica ci ha dato il compito di guardare il primo episodio... e mi ha proprio convinta: ho trovato la mia prossima piccola "ossessione" ;)
Comunque, tornando ai libri, vi aggiorno sulle mie letture della settimana con il WWW.




What did you recently finish reading ?
 
RECENSIONE:  QUI.

Un seguito imperdibile! Adesso io non vedo l'ora di iniziare Obsidio, il terzo e ultimo volume della serie. Sono indecisa sulla lingua in cui lo leggerò: dovrei finire la storia in italiano o provare ad assaporare l'originale?





What are you currently reading?


Breve, ma complesso. Ho qualche problema a coglierne l'ironia e, stranamente, la traduzione mi sembra più difficile della versione originale (sto leggendo con testo a fronte). Domani io e Emme dovremmo riuscire a farvi avere la nostra recensione :)





What do you think you'll read next?

 
Non mi pronuncio al riguardo, tanto ultimamente non riesco mai a cominciare il libro che mi sono prefissata: sono tre settimane che rimando D'Avenia, Green e Zusak... e chissà se mai li leggerò :(



 Voi cosa state leggendo? 


Alex

martedì 21 novembre 2017

UN CLASSICO E UN BUON TÈ #2

Buongiorno a tutti!
Oggi mi si prospetta una giornata lunghissima e molto impegnativa... ma, per fortuna, avrò Percy Shelley a tenermi compagnia ;)


Per chi non lo sapesse, Un classico e un buon tè è una nuova rubrica che ho creato con il mio amico Emme: lui vi propone un'opera imperdibile della letteratura mondiale, mentre io vi consiglio il tè/ infuso perfetto da abbinarci.
 
Vi lascio a questa seconda "puntata":)



UNO, NESSUNO E CENTOMILA di Luigi Pirandello 


TRAMA:
Avevo ventotto anni e sempre fin allora ritenuto il mio naso, se non proprio bello, almeno molto decente". Ha inizio così l'odissea di Vitangelo Moscarda, quando un commento distratto della moglie lo inchioda a una tremenda verità: gli altri ci vedono in modo diverso da come ci vediamo noi stessi. La sua vicenda è lo specchio della crisi dell'io, tra prospettive che mutano e punti di riferimento che si perdono. Tra gli esiti più nuovi della letteratura del Novecento, l'ultimo romanzo di Pirandello è la storia di un "naufragio dell'esistenza": in seguito al cortocircuito iniziale, il protagonista arriva ad accettare l'incompletezza di sé attraverso la via della rinuncia e della solitudine, fino all'abbandono definitivo di ogni coesione interna, fino alla follia. Come ebbe a dire l'autore stesso, dei suoi romanzi "Uno, nessuno e centomila" è il "più amaro di tutti, profondamente umoristico, di scomposizione della vita"


EMME lo definisce:
"impegnativo, riflessivo, scioccante".
 



INFUSO DI RIBES NERO, GINSENG E VANIGLIA
  A questo libro abbino un infuso (e non un tè) dal sapore intenso e variegato, che potrete scoprire goccia dopo goccia e che non smetterà di sorprendervi fino alla fine.



DESCRIZIONE:
Un infuso dal carattere rotondo, in cui il gusto intenso e aromatico del ribes nero si incontra con il profumo vellutato della vaniglia e le piacevoli note del ginseng.

CONSIGLIATO CON: da solo. 
 


Vi è piaciuto il consiglio? Che ne pensate di questa nuova rubrica? 
Fatecelo sapere nei commenti :)

  Alex e Emme

domenica 19 novembre 2017

SEGNALAZIONE: Semplice di Giorgio Terruzzi

 

Un romanzo autografato che non vedo l'ora di leggere




TITOLO: Semplice
AUTORE: Giorgio Terruzzi
EDITORE: Rizzoli
PAGINE: 272
LINK ACQUISTO: Semplice

TRAMA:
Semplice. Come il gioco. Come l'amicizia.
Ci sono persone che restano con noi anche quando se ne sono andate, e a volte basta un gesto minimo, tuo figlio che si sfiora le labbra con un dito mentre gioca, per ricordarti che non sei mai riuscito ad archiviarne il ricordo. È quello che succede a Luciano: il pensiero corre subito ad Alex, il suo capitano di vent’anni prima. Stesso campo, stesso amore, il rugby. Alex, forte, generoso, cuore della squadra e mattatore dello spogliatoio, Alex, il campione che li aveva abbandonati troppo presto. Sei amici, fratelli in campo e nella vita. Sembravano indivisibili. Invece erano rimasti in cinque e avevano finito col perdersi. Oggi, superati i quarant’anni, a unirli c’è una ferita che non si è mai fatta cicatrice. Ma quando il passato torna a presentare il conto con quella che sembra una strana convocazione, è come se l’amicizia che li legava da ragazzi non si fosse mai spenta. È la miccia, l’inizio di un viaggio inatteso e necessario che permetterà a ciascuno di loro di ritrovare l’altro, restituendo un senso doloroso ma pieno allo schiaffo che li aveva colpiti e disorientati. Con Semplice Giorgio Terruzzi ci racconta gli inciampi e la forza dei sentimenti dell’adolescenza, e ci ricorda che c’è sempre tempo per riscoprire un’amicizia autentica, perché una squadra che ha lottato davvero non abbandona nessun compagno.


  



L'AUTORE:
Giorgio Luca Maria Terruzzi (Milano, 3 agosto 1958) è un giornalista e scrittore italiano, collaboratore di diverse testate tra le quali il Corriere della Sera, autore di testi per il teatro e il cinema, e consigliere dell'A.S. Rugby Milano.
Dal 2017 partecipa come ospite e come autore di servizi a tema al programma Quelli che...il calcio (Rai2)
Il suo libro "Suite 200 - l'ultima notte di Ayrton Senna", uscita aprile 2014, ha vinto nel 2015, per la seconda volta, il premio Bancarella Sport e nel 2014 si è aggiudicato il Premio Speciale CONI-Memo Geremia.
Nel settembre 2015 è uscito il libro "Grazie Valentino" (Rizzoli).
Nell'aprile 2017 ha pubblicato il romanzo "Semplice" (Rizzoli).
Nell'ottobre 2017 ha collaborato (con Marina Viola e Marco Pastonesi) alla riedizione del libro "Inediti e Dimenticati" di Beppe Viola, pubblicato con il titolo "Sportivo sarà lei" da Quodlibet.



Cosa ne pensate? Conoscete l'autore? Vi ispira il suo romanzo?
Io ho il libro autografato qui sullo scaffale... spero di riuscire a iniziarlo questa settimana :)



Alex

venerdì 17 novembre 2017

5 COSE CHE #11

Buongiorno a tutti <3



Tra poco andrò a trovare i miei prof delle superiori e non vedo l'ora di rivedere alcuni di loro *-* (per chi avesse letto Vuoi conoscere un casino?, uno dei prof che più mi mancano è quello "della banana" ahahah).
Comunque, non voglio perdermi in chiacchiere, quindi vi presento subito il tema di questo venerdì per la rubrica 5 COSE CHE:




 5 LUOGHI IN CUI ADORO LEGGERE





Letto 


In inverno, a pancia in giù, avvolta dal piumone e da un'infinità di coperte.




Panchina 


In primavera, a gambe incrociate, e, possibilmente, con un gelato in mano.




Spiaggia


In estate, sotto l'ombrellone, sugli scogli, in riva al mare... ogni angolo di spiaggia mi va bene. Preferibilmente con un tè freddissimo da bere.




Pavimento 


In estate, in casa al primo piano, dove ho le piastrelle: è uno dei posti più freschi e rilassanti.
In inverno, al secondo piano, dove c'è il parquet: il legno tiene caldo, è "morbido" e profuma... avvolta nel mio felpone enorme, ci sto divinamente.




In piedi 


In qualunque stagione adoro fare avanti e indietro per il soggiorno con un libro in mano: lo trovo un buon modo per farmi coinvolgere dalla storia. Non chiedetemi perché ;)




E voi, dove amate leggere? Quali sono i vostri luoghi di lettura prediletti?


Alex


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...